Le restrizioni di Trump su Cuba sono una battuta d’arresto per Airbnb??

trinidad-casa-colonial-13001-visto-colazioni-R
trinidad-casa-colonial-13001-visto-colazioni-R

Le restrizioni di Trump su Cuba sono una battuta d’arresto per Airbnb??

by Colin Lecher   Jun 16, 2017, 6:38pm “ The Verge”

Quando Airbnb annunciò per la prima volta nel 2015 di operare a Cuba, era chiaro che la società aveva ambizioni elevate! Il CEO Brian Chesky è apparso accanto al presidente Obama durante la sua visita nel paese lo scorso anno, dove il presidente ha annunciato il successo aziendale della società, aggiungendo che c’erano “migliaia di potenziali venditori di grande esperienza a Cuba”.

AIRBNB HA “FATTO DI CUBA UNA PRIORITA’”, scriveva “FORTUNE MAGAZINE”

Anche se Cuba non è il più grande mercato di Airbnb, è diventato il mercato di  più veloce crescita, come dichiarava  “Fortune Magazine ” lo scorso anno.L’azienda “ha reso Cuba una priorità, saltando i legami legali e di viaggio, creando software di lavoro per l’accesso a Internet e portando le casas “particular” cubane nella piattaforma Airbnb “.

L’azienda ha pubblicato il suo successo sull’isola, a Giugno quest’anno ha rilasciato una relazione che diceva che 40 milioni di dollari erano stati pagati per affitti negli ultimi due anni. Ogni mese, sull’isola sono arrivati in media 70.000 ospiti Airbnb e il rapporto ha notato specificamente la popolarità del servizio tra i visitatori statunitensi. “Nel 2017 fino a Giugno, Cuba è stato il nono posto di destinazione più popolare su Airbnb per i viaggiatori americani, più di Australia, Germania, Paesi Bassi o Thailandia”, ha detto il rapporto….

La società ha recentemente stimato che il 12 per cento di tutti i visitatori americani a Cuba ha soggiornato in Airbnbs. In una dichiarazione al The Verge, Airbnb ha stimato che il 35 per cento degli ospiti di Airbnb a Cuba stavano viaggiando dagli Stati Uniti. L’annuncio di oggi da parte del Presidente Trump che la sua amministrazione ancora una volta stringe le restrizioni di viaggio tra gli Stati Uniti e Cuba pone una battuta d’arresto per l’azienda. La mossa ridurrà il numero di americani che viaggiano verso il paese e probabilmente danneggerà molti dei “potenziali venditori” che Obama ha menzionato. Le regole ripristinano le restrizioni alla maggior parte dei viaggi privati ​​nel paese, ad eccezione degli americani cubani, e vieta ai visitatori di fare affari con le istituzioni controllate dai militari. Ciò significa, come ha detto il senatore Marco Rubio su Twitter, che gli americani dovranno trovare sistemazioni in luoghi privati, come Airbnbs. Ma questa direttiva sarà solo una lieve salva se il viaggio complessivo è drasticamente ridotto. “Viaggiare dagli Stati Uniti a Cuba è un modo importante per incoraggiare la diplomazia tra persone”, ha dichiarato l’azienda nella sua dichiarazione di oggi. “Mentre stiamo rivedendo ciò che questa politica potrebbe significare per questo tipo di viaggio, apprezziamo che la politica sembra permettere di continuare a sostenere gli host di Airbnb a Cuba che hanno accolto i viaggiatori provenienti da tutto il mondo”. La risposta è stata un marcato cambiamento di tono della relazione dell’azienda di questo mese, che ha profetizzato una prospettiva soleggiata e ha letto: “Questa crescita senza precedenti non mostra segni di rallentamento”.


voli-09cuba